Debutto Teatro Keiros 5, 6, 7 Marzo 2020 Ore 21.00 8 Marzo ore 18.00

Via Padova 38a - Roma

Birreria
birra
www.teatroutileilviaggio.com_brasserie.J
www.teatroutileilviaggio.com_brasserie_t

Da qualche parte in Africa, dopo una guerra fratricida, i vincitori tentano di espugnare il birrificio. Ma la sola a conoscere il segreto per farlo ripartire è una femme fatale del Moulin Rouge che non è proprio disposta a collaborare...

Note di Regia

brasserie_www.teatroutileilviaggio.jpg

Comunicato Stampa

Brasserie

Dicono di noi

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Quattro attori, tre uomini e una donna, giocano in scena la rappresentazione violenta e ridicola della guerra. L’azione si svolge in una birreria, ultimo baluardo da espugnare, e la trama rilegge il colonialismo e il post colonialismo in chiave ironica, grazie a uno stile grottesco di grande forza.

La parola è una parola che deve molto al ritmo e alla musica jazz, tanto amata da Koffi. Una parola contaminata, onomatopeica, corrosiva. La violenza passa anche attraverso il linguaggio: nell’incapacità di articolare un pensiero, nell’afasia e nel balbettio di uno dei protagonisti, così come nell’uso di una lingua straniera (il tedesco) da parte dell’unica donna.

Difficile essere insensibili a questa pièce che con umorismo e derisione ci mostra cosa sono la guerra e la lotta per il potere, con uno sguardo crudele sulla pochezza dell’uomo e sul suo destino. Il riso è proprio dell’uomo dice Aristotele e forse grazie ad una grande risata potremo mettere alla berlina una realtà sociale e politica che mai come in questo tempo è incapace di critica e analisi. (Tiziana Bergamaschi)